news

Russia - Un omaggio di luce ai caduti


Il Museo di Storia Militare di Prokhorovsky è un complesso multifunzionale che include edifici commemorativi, musei e monumenti in memoria delle gesta eroiche compiute dall'esercito sovietico durante la più grande battaglia di carri armati di tutti i tempi. Oltre 10.000 soldati morirono infatti in un solo giorno nel corso della sanguinosa battaglia di Kursk, avvenuta nel luglio del 1943.
 
Inaugurato nel 1995 in occasione del 50° anniversario dal termine della Seconda Guerra Mondiale, il sito è caratterizzato dal Monumento alla Vittoria, un campanile alto 59 metri che contraddistingue il memoriale con la sua imponenza. Situata ad un'altitudine di 252 metri proprio al centro del tristemente noto campo di battaglia, questa gigantesca stele è composta da quattro colonne piatte in pietra bianca che si ricongiungono alla loro sommità e simboleggiano i quattro anni di guerra. Ogni facciata della torre campanaria è decorata con 6 distinti altorilievi che raccontano, attraverso diverse serie di immagini, le varie fasi della battaglia.
 
Questa stele è coronata da una cupola dorata - simbolo del sole e dello stato russo - in cima alla quale svetta una scultura dorata della Vergine Maria alta 7 metri. Sotto la cupola, una campana rintocca ogni venti minuti per ricordare le battaglie e le guerre che si sono combattute in questo campo. Alla base del tamburo di marmo sottostante, una corona d'alloro dorata brilla in memoria di tutti coloro che sono caduti per la patria.
 
L'illuminazione del Monumento alla Vittoria è stata realizzata con l'ausilio di potenti cambiacolori a LED in grado di fornire l’uniformità di luce richiesta per l'intera altezza della struttura: POWERSHINE MK2 S in configurazione RGBW con ottica a fascio stretto. I corpi illuminanti a LED sono stati installati di fronte a ciascuno dei quattro lati su supporti metallici collocati su pali posizionati ad una notevole distanza dal monumento. I 6 POWERSHINE MK2 S montati su ciascuno dei due pali posizionati sui lati anteriori del monumento forniscono una pennellata perfettamente omogenea di luce colorata alla facciata principale. Altri otto proiettori fissati su due pali sono dedicati invece all'illuminazione della parte posteriore del monumento bellico. L'intero sistema di illuminazione è gestito da un sistema di controllo con protocollo DMX 512.
 
La gamma dei colori scelta per illuminare il campanile va dal bianco puro allo spettro di colori compresi tra il giallo pallido e il rosso scarlatto. La soluzione cromatica proposta è chiaramente correlata al sanguinoso massacro che ha avuto luogo in questo sito, esprimendo un profondo senso di tristezza e compassione per tutte le vittime della guerra.
 
Mirata a valorizzare il monumento in tutta la sua altezza, la distribuzione uniforme della luce ottenuta sulle sue superfici è il risultato di una scrupolosa selezione di ottiche, del calcolo preciso della distanza di montaggio dei fari e di una estrema precisione del puntamento. L'emissione di luce accuratamente regolata conferisce un'eccellente leggibilità agli altorilievi, preservando ed evidenziando i loro volumi e forme attraverso una luce chiara e brillante.
 
POWERSHINE MK2 S, che utilizza 96 LED di potenza RGBW, offre un’ampia scelta di ottiche. La combinazione di LED RGBW, che fornisce una luce bianca di qualità sorprendente oltre ad una vastissima gamma di tonalità intermedie, garantisce la massima flessibilità progettuale. POWERSHINE MK2 S è disponibile anche nella versione Polar Edition, dotata di sistema integrato anti-gelo con vetro frontale riscaldato, per utilizzo anche a temperature estremamente basse.

Corpi illuminanti installati:
14 x POWERSHINE MK2 S RGBW ottica fascio stretto
1 x IP65 CONTROLLER DMX
1 x 2CH AMPLIFICATORE DI SEGNALE DMX
 
Crediti:
Concetto di illuminazione, lighting design, fornitura e installazione: InStyle, Belgorod
Foto: InStyle, Belgorod

archivio