news

Lettonia - Notte bianca per il Museo dei Vigili del Fuoco di Riga


Istituito nel 1978 nei locali di un'ex caserma dei pompieri risalente al 1912, il museo dei vigili del fuoco di Riga raccoglie cimeli dalla seconda metà del XIX secolo fino ai giorni nostri. Organizzato su due piani, il museo espone attrezzature antincendio, veicoli, uniformi e strumenti del mestiere, oltre a premi e onorificenze attribuiti ai vigili del fuoco per il loro coraggio e documenti relativi alla loro storia. 
 
Come molte istituzioni a scopo educativo, il museo è completamente interattivo in quanto, oltre a mostrare il patrimonio culturale della lotta antincendio in Lettonia, fornisce conoscenze di base sulle norme di sicurezza e sui comportamenti da tenere in caso di incendio. I visitatori sono invitati a spegnere un fuoco, partecipare a quiz e conferenze, guardare documentari e a familiarizzare con allarmi e dispositivi antincendio. Inoltre, molte attrezzature in esposizione si possono toccare ed esaminare, elmetti e tute anche indossare.
 
Il museo è collocato all’interno di un edificio in stile Liberty provvisto di una vecchia torre dell'orologio in stile barocco alta 30 metri, utilizzata ai tempi per asciugare le manichette antincendio. Questa costruzione risale all’inizio del ’900, periodo in cui a Riga prosperava l’architettura Art Nouveau che ha caratterizzato gran parte degli edifici risalenti agli anni tra il 1904 e il 1914, rendendo la capitale lettone la città con la più alta concentrazione di architettura Art Nouveau del mondo.
 
Su richiesta del Comune di Riga sono stati recentemente finalizzati importanti lavori di restauro e rifacimento della facciata in muratura, seguiti dall'installazione di un sistema di illuminazione a LED esterno volto ad enfatizzare questo splendido stile architettonico anche di notte. Una serie di moduli lineari D-W-6, 9 e 12 in configurazione bianco caldo è stata montata sulle pareti dell'edificio seguendo ordinatamente le principali caratteristiche architettoniche delle facciate per fornire una luce bianca ben distribuita. Le barre più lunghe sono state installate sul bordo inferiore del tetto rivolte verso il basso per illuminare le pareti del museo con un'emissione luminosa uniforme. I moduli più corti sono stati invece fissati sulle parti superiori delle torrette e della torre principale per fornire un'illuminazione spot focalizzata sulle principali caratteristiche architettoniche dell’edificio.
 
Studiate per installazioni di illuminazione architettonica in esterni che necessitano di effetti decorativi, d’accento o di wall washing, le barre modulari PARADE D-W-6, 9 e 12 MK3 sono in grado di offrire un’estrema luminosità ed una perfetta uniformità del fascio di luce. Disponibili in entrambe le versioni con luce bianca a temperatura colore calda e fredda e con un'apia scelta di ottiche, dal fascio spot a quello wall wash,  questi versatili moduli lineari sono idonei per applicazioni d'effetto che richiedono un'emissione luminosa performante. Il loro alloggiamento compatto e resistente in alluminio estruso con protezine IP67 li rende adatti per infinite applicazioni d'accento e raffinati effetti d'illuminazione per arredo urbano e paesaggistico.
 

Australia - Il Rockhampton Riverside Precinct prende vita con Griven

Il Rockhampton Riverside Precinct, un’area urbana sulle rive del Fitzroy...
leggi

archivio